Tuscany is not just Florence, Pisa and Siena. Tuscany is also the sea, the countryside, the mountains, the food and the people. Discover the real Tuscany in this interview with my colleague Virginia who lives in MaremmaVirginia talks about her experience as a teacher who hosts students from around the world at her home. She also shares some of her most amusing encounters with the vecchiette (oldies) in a typical Italian village.

Mi chiamo Virginia e sono un’insegnante di Italiano certificata dall’Università per Stranieri di Siena. La mia laurea in Lingue e Letterature Orientali mi ha portato in Giappone, dove ho iniziato a insegnare la mia lingua a Osaka. Tornata in Italia, ho proseguito l’attività a Modena fino a due anni fa, quando sono tornata nella mia terra d’origine, la Maremma,la campagna toscana, dove tuttora insegno e ospito gli studenti a casa dell’insegnante.

 Perché hai scelto di proporre soggiorni studio a casa mia?

poggiobono.it

poggiobono.it

 Nella mia carriera di studentessa di lingue, ho avuto modo di sperimentare su me stessa i risultati dei vari ambienti di studio (scuola, college, famiglia, etc.) e i risultati migliori li ho ottenuti quando ho avuto la fortuna di soggiornare a casa di un insegnante o di una famiglia. Per la prima volta, mi sono trovata ad ascoltare e praticare la lingua vera, ad usarla tutto il giorno, cosa che non mi era mai successa durante le classiche vacanze studio, in cui puntualmente ci si ritrova in classe con connazionali e le lezioni sono impostate solo su libri di testo, spesso in una lingua lontana da quella reale. Inoltre, questi soggiorni mi hanno permesso di entrare in contatto diretto con la cultura della lingua studiata. Queste ragioni sono le stesse che portano gli studenti a soggiornare a casa mia. Hanno già provato una vacanza studio in una scuola tradizionale e hanno voglia di sfidare se stessi per immergersi completamente in una cultura diversa dalla propria.

 Come funziona?

I soggiorni sono progettati su misura, per cui ogni studente sceglierà quante ore di lezione al giorno svolgere, quali escursioni effettuare (sono un’accompagnatrice turistica e adoro portare in giro per la Maremma toscana i miei studenti) e quanti giorni rimanere (il soggiorno minimo che solitamente suggerisco è di almeno 10 giorni). Di solito il primo incontro con i miei futuri studenti è su Skype: una chiacchierata informale che serve per fare conoscenza, testare il livello della lingua e iniziare a pianificare le lezioni.

 Quando si può prenotare?

 La Maremma gode di un clima abbastanza mite anche d’inverno, pertanto è possibile soggiornare in tutto l’arco dell’anno a seconda della disponibilità. Il periodo che personalmente preferisco è quello compreso tra marzo e giugno, quando ancora non fa troppo caldo e il paesaggio circostante si riempie di colori e profumi indescrivibili.

 Dove si trova casa tua?

Nella campagna toscana, in un tesoro chiamato Maremma, dove il mare si unisce alla terra e dove il turismo di massa non è ancora arrivato. La mia casa è nel cuore della campagna maremmana, a soli quindici minuti dal mare e vicina ad alcuni dei luoghi più rinomati di questa zona: Saturnia, Pitigliano, il Giardino dei Tarocchi, la Costa d’Argento e Tarquinia sono solo un esempio.

 Chi sono i tuoi studenti?

poggiobono.it

poggiobono.it

 Sono studenti di ogni età. Soprattutto coloro che non vogliono rinunciare alla comodità e alla propria privacy. Un soggiorno in famiglia ma con la comodità di un albergo. La camera ha un bagno privato e un’entrata indipendente che dà direttamente sul giardino. E’ inoltre dotata di tv, aria condizionata e riscaldamento, connessione wi-fi veloce, bollitore elettrico e scrivania. Lo studente è libero di decidere quanto tempo condividere con la famiglia e quanto tempo passare invece per conto proprio.

 Un momento divertente da raccontare?

 Era settembre e stavo portando una studentessa a visitare un piccolo paesino dell’entroterra. Avevo un po’ di fretta perché il sole stava per tramontare e volevo arrivare in centro per poter ammirare il panorama. Siamo quindi entrate nel paese con passo spedito, ignorando le signore del luogo sedute in piazza intente alle chiacchiere serali. Io non me ne ero accorta, ma Barbara mi ha fatto notare il loro sguardo severo. Siamo uscite dal paese con più calma, abbiamo salutato, ma l’espressione di rimprovero è rimasta. Era una serata bellissima di fine settembre: perché correre? Perché non salutare? Quando Barbara è partita, mi ha detto che uno dei ricordi più divertenti del soggiorno era legato alle donne dallo sguardo severo e alla nostra fretta “non giustificata”.

 Organizzi corsi speciali?

 A seconda degli interessi degli studenti, decido gli itinerari: storico-artistici, naturalistici, eno-gastronomici, etc… Questi ultimi mi appassionano molto. Ho seguito vari corsi di degustazione (oli, vino, formaggio) e mi piace molto condividere questa passione. Per informazioni: info@poggiobono.it

 Cosa preferisci del tuo lavoro?

 La scelta di vivere nella campagna maremmana e il mio lavoro mi permette di entrare in contatto con persone molto interessanti e stimolanti senza uscire di casa. Il mondo entra a casa mia. Conosco meglio i loro paesi di origine, le loro tradizioni e i loro modi di vivere; imparo a vedere l’Italia e la sua cultura con i loro occhi, a volte critici, a volte sognanti. Ognuno di loro mi ha resa un’insegnante migliore e ha contribuito ad ampliare i miei orizzonti.

by Virginia, teacher and founder of homestay Italian teaching: Poggiobono.it

sfidare=competere, contendere

immergersi=fig. concentrarsi, dedicarsi totalmente a un progetto

entroterra=territorio lontano dalla costa

intente= occupate

ampliare=allargare

Stay in Tuscany, discover Maremma

Tags: , , , , , , , , , , , , , ,

No Comments Yet.

Add your comment